DSpaceUnipr DSpaceUnipr
      Le Biblioteche dell'Università    |    Periodici elettronici    |    Banche dati    |    Cataloghi online

DSpace a Parma >
CAPAS - Centro sulle Attività e le Professioni delle Arti e dello Spettacolo >
MoRE - Museum of refused and unrealised art projects >
MoRE - Collezione Progetti >

Please use this identifier to cite or link to this item: http://hdl.handle.net/1889/3984

Authors: Motika, Antun
Editors: Benčić, Branka
Title: Untitled (svjetlosni štafelaj, light easel)
Date created: s.d.
Abstract: Nel tentativo di trovare una “via d’uscita” dalla pittura e di riuscire a rappresentare “l’oscillazione della materia” Antun Motika ha cercato di avvicinarsi a quella che Laszlo Moholy-Nagy aveva evidenziato come “cultura della luce”. In particolare Anton Motika era affascinato costantemente dall’ossessione per la “luce pura”, che ha caratterizzato in differenti forme la sua produzione artistica. I suoi esperimenti con la luce danno una forma alla sua idea di pittura liquida. Il principale punto di svolta dalla ricerca pittorica è avvenuto proprio attraverso i suoi esperimenti lumino-cinetici. I quaderni di Motika contengono molti schizzi e proposte di diversi dispositivi di illuminazione, come ad esempio light easel [cavalletto di luce], e di differenti apparecchiature per proiezioni, assieme a numerosi appunti per idee utopiche e immaginarie che rimarrano poi tali, progetti di opere mai realizzate. I quaderni e gli esperimenti di Motika ci guidano al di fuori dei noti canoni artistici, verso i mutamenti in atto nella cartografia artistica degli anni ´60. Le pagine del suo quaderno evidenziano schizzi di lavori lumino-cinetici, i suoi esperimenti con la luce e le proiezioni, progetti di diversi dispositivi e di modalità per il loro display. Motika ha realizzato le sue proiezioni con apparecchi personalizzati (proiettori per diapositive, diascopi, episcopi, lavagne luminose), applicando su sfondi trasparenti elementi di diverse derivazioni, organiche e inorganiche, quali insetti, piante come in un erbario, pigmenti, resine, liquidi. Attraverso il loro ingrandimento e la proiezione su schermi, ha ottenuto risultati sorprendenti.
Document type: Animation
Appears in Collections:MoRE - Collezione Progetti

Files in This Item:

File Description SizeFormatVisibility
Antun Motica_untitled.pdf402,21 kBAdobe PDFView/Open


This item is protected by original copyright



Items in DSpaceUnipr are protected by copyright, with all rights reserved, unless otherwise indicated.


Share this record
Del.icio.us

Citeulike

Connotea

Facebook

Stumble it!

reddit


 

  Browser supportati Firefox 3+, Internet Explorer 7+, Google Chrome, Safari

ICT Support, development & maintenance are provided by CINECA. Powered on DSpace Software
CINECA