DSpaceUnipr DSpaceUnipr
      Le Biblioteche dell'Università    |    Periodici elettronici    |    Banche dati    |    Cataloghi online

DSpace a Parma >
Facoltà di Lettere e Filosofia >
Parole rubate / Purloined letters. An International Journal of Quotation Studies >
Parole rubate / Purloined letters: 2014, 10 >

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/1889/3616

Titolo: Intention de l’auteur ou volonté du texte ? Pétrarque et Boccace sur la poésie : vols de mots et mots attrapés au vol
Autori: Guerin, Philippe
Data: dic-2014
Tipo di documento: Article
Abstract: Si è soliti cercare le citazioni esclusivamente nei documenti scritti. Ma le parole possono anche essere prelevate dal flusso delle conversazioni, degli scambi orali, per definizione, almeno per i tempi antichi, non registrati. Tale ci pare essere il caso per i due giganti del Trecento, Petrarca e Boccaccio, negli scritti dei quali, accanto alla traccia delle produzioni dell'uno in quelle dell'altro, sembra sovrapporsi quella degli incontri fisici, da quello del 1350 a Firenze fino all'ultimo dell'estate del 1368 a Padova. E più particolarmente intorno a quella che è la loro grande preoccupazione comune, vale a dire il valore e la funzione della poesia, che entrambi intendono difendere contro i detrattori. I piccoli furti che si ha l'impressione di poter ravvisare sfociano nella costruzione di niente di meno che un nuovo paradigma ermeneutico, paradigma di cui siamo ancora forse i lontani eredi.
Although we usually look for quotations in written texts, it is also worth considering that words can be 'stolen' from the conversational flux, from those oral exchanges which, at least in antiquity, were not recorded. This seems to be the case of two of the greatest fourteenth-century writers, Petrarch and Boccaccio. Their works, in which they quote from each other, seem also to trace their physical encounters, from the first in 1350 in Florence to the last in the summer of 1368 in Padua. More precisely, Petrarch and Boccaccio share a concern about the value and function of poetry, a genre they wanted to defend against detractors. The small literary thefts which may be identified result in the construction of no less than a new hermeneutic paradigm, of which we are still, perhaps, the distant heirs.
InParole rubate / Purloined letters: 2014, 10

Full text:

File Descrizione DimensioniFormatoConsultabilità
F10_2_guerin_boccaccio.pdfGuerin1,7 MBAdobe PDFVisualizza/apri


Questo documento è protetto dal copyright originale



Tutti i documenti archiviati in DSpaceUnipr sono protetti da copyright. Tutti i diritti riservati.


Segnala questo record su
Del.icio.us

Citeulike

Connotea

Facebook

Stumble it!

reddit


 

  Browser supportati Firefox 3+, Internet Explorer 7+, Google Chrome, Safari

ICT Support, development & maintenance are provided by CINECA. Powered on DSpace Software
CINECA