DSpaceUnipr DSpaceUnipr
      Le Biblioteche dell'Università    |    Periodici elettronici    |    Banche dati    |    Cataloghi online

DSpace a Parma >
Dipartimento di Lettere, Arti, Storia e Società >
Ricerche di s/confine. Oggetti e pratiche artistico / culturali >
Le mostre. VI, 1 (2015) >

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/1889/3264

Titolo: Arte Import/Export. Il caso della Galleria Niccoli e l’attività espositiva del Centro per l’Arte Contemporanea Italia Giappone
Autori: Mariani, Martina
Data: 4-feb-2017
Editore: Dipartimento dei beni culturali e dello spettacolo, Università di Parma
Tipo di documento: Article
Abstract: Nel 1986 Giuseppe Niccoli e Chifuku Kubota fondano il Centro per l’Arte Contemporanea Italia Giappone, mossi dal desiderio di creare una via di comunicazione che favorisse gli scambi artistici e il mercato in entrambe le direzioni. L’ACIG ha promosso un’intensa attività espositiva che ha portato in Italia alcuni dei più importanti artisti giapponesi contemporanei e in Giappone il meglio dei movimenti artistici italiani del Novecento. In particolare, il Centro ha trovato grande entusiasmo da parte di rinomati musei giapponesi, permettendo alla Galleria di affermarsi come realtà di spicco anche nel sistema dell’arte internazionale. In questi mesi la mostra Arte cinetica e programmata in Italia 1958-1968 attraversa il Giappone, fino al settembre 2015. Il saggio vuole ricostruire l’attività espositiva del Centro su tutti i livelli. Ai fini della completezza, il contributo è integrato da un’intervista allo stesso Giuseppe Niccoli.
In 1986 Giuseppe Niccoli and Chifuku Kubota establish the Italy-Japan Center for Contemporary Art (Centro per l’Arte Contemporanea Italia Giappone, ACIG), aimed to create a communication channel that encouraged artistic exchanges and the market in both directions. ACIG promoted many exhibitions, that imported in Italy some of the most important japanese contemporary artists and exported in Japan the best italian artistic movements of Nineteenth century. ACIG especially found enthusiasm from famous japanese museums, allowing the Niccoli Gallery to become a prominent reality inside the international art system. In recent months, the exhibition Arte cinetica e programmata in Italia 1958- 1968 goes across Japan, until September 2015. The present essay wants to outline ACIG’s history and exhibitions on all levels. For clarity, the essay is accomplished by an interview with Giuseppe Niccoli himself.
InLe mostre. VI, 1 (2015)

Full text:

File Descrizione DimensioniFormatoConsultabilità
MARIANI-arte.pdf879,03 kBAdobe PDFVisualizza/apri


Questo documento è protetto dal copyright originale



Tutti i documenti archiviati in DSpaceUnipr sono protetti da copyright. Tutti i diritti riservati.


Segnala questo record su
Del.icio.us

Citeulike

Connotea

Facebook

Stumble it!

reddit


 

  Browser supportati Firefox 3+, Internet Explorer 7+, Google Chrome, Safari

ICT Support, development & maintenance are provided by CINECA. Powered on DSpace Software
CINECA