DSpaceUnipr DSpaceUnipr
      Le Biblioteche dell'Università    |    Periodici elettronici    |    Banche dati    |    Cataloghi online

DSpace a Parma >
Dipartimento di Lettere, Arti, Storia e Società >
Ricerche di s/confine. Oggetti e pratiche artistico / culturali >
Le mostre. VI, 1 (2015) >

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/1889/3263

Titolo: L’Aquila 1962. “Alternative Attuali” e l’idea di “mostra-saggio”
Autori: Nicoletti, Luca Pietro
Data: ott-2015
Editore: Dipartimento dei beni culturali e dello spettacolo, Università di Parma
Tipo di documento: Article
Abstract: Il seguente contributo analizza, su fonti d’archivio, la prima edizione della manifestazione ideata e organizzata da Enrico Crispolti presso il Forte Cinquecentesco dell’Aquila, soffermandosi sui caratteri di maggiore novità proposti da questa rassegna rispetto al panorama coevo. Con Alternative Attuali, infatti, il critico romano proponeva su larga scala un nuovo tipo di collettiva, già sperimentato in piccolo a Roma con Possibilità di relazione: non una semplice rassegna di artisti, ma la proposta di un dialogo, senza gerarchie di merito, fra posizioni diverse (le “alternative”) volte al superamento dell’Informale. Con il modello della “mostra-saggio”, arricchita da un vero e proprio dibattito affidato alle pagine del catalogo, veniva per la prima volta applicata una idea espositiva che cercasse di sistematizzare in prospettiva critica (e in proiezione storica) la situazione presente.
The following paper analyses, from archive sources, the first edition of the show created and organised by Enrico Crispolti at the Forte Cinquecentesco in L’Aquila, focussing on the newest aspects of this exhibition compared to the contemporary scene. With Alternative Attuali (i.e. Current Alternatives), in fact, the Roman art critic was proposing on a large scale a new kind of collective exhibition, already experimented in a smaller size in Rome with Possibilità di relazione: not a simple artists' show, but a dialogue, with no merit hierarchies, between different positions (the “alternatives”) aimed at going beyond Informal art. This model of “exhibition-essay”, including an actual debate consigned to the catalogue pages, for the first time applied a form of display which would attempt to put the present situation in a critical (and historical) perspective.
InLe mostre. VI, 1 (2015)

Full text:

File Descrizione DimensioniFormatoConsultabilità
NICOLETTI-aquila.pdf245,55 kBAdobe PDFVisualizza/apri


Questo documento è protetto dal copyright originale



Tutti i documenti archiviati in DSpaceUnipr sono protetti da copyright. Tutti i diritti riservati.


Segnala questo record su
Del.icio.us

Citeulike

Connotea

Facebook

Stumble it!

reddit


 

  Browser supportati Firefox 3+, Internet Explorer 7+, Google Chrome, Safari

ICT Support, development & maintenance are provided by CINECA. Powered on DSpace Software
CINECA