DSpaceUnipr DSpaceUnipr
      Le Biblioteche dell'Università    |    Periodici elettronici    |    Banche dati    |    Cataloghi online

DSpace a Parma >
Dipartimento di Ingegneria Civile, dell'Ambiente, del Territorio e Architettura >
FAmagazine.
Research and Projects on Architecture and City. Scientific e-journal
 >

FAmagazine 23 2013.
Dalla campagna urbanizzata alla città in estensione / From Urbanized Countryside to City in Extension

Logo
 
 
oppure Browse per 
Visualizza le tue sottoscrizioni
E’ probabile che se assumessimo il territorio come una rete complessa di densificazioni individualmente correlabili e in continuo divenire, le ibride modalità della sua “costruzione”, che viaggiano in antitesi rispetto alle permanenze dei suoi segni, troverebbero una positiva interpretazione alla loro frammentaria diffusione. Perchè alla discontinuità strutturale dei luoghi, alla dispersione insediativa di nuove edificazioni nel paesaggio agrario si sostituirebbero altri valori semantici, che non chiedono di riconquistare identità storiche o concordanze grammaticali, o nuove forme di equilibrio tra le parti urbano-rurali, fondate con lenta sedimentazione, ma, con determinante incidenza, conquisterebbero punti di contatto con logiche funzionali d’uso del territorio. Da questo punto di vista la sua forma, pensata come forma delle sue reti, diverrebbe un fattore di controllo del suo effettivo funzionamento. Ma la questione e’ piu’ intima e più complessa.

If we consider the territory as a complex network of individually interrelated and evolving densifications, it’s probable that a positive interpretation of its diffuse fragmentation could be found for the hybrid ways in which it is “built”, ways which are in antithesis to the permanence of its signs. This is because the structural discontinuity of places, and the dispersive settlements of new constructions in the rural countryside, would be replaced by other semantic values not required to recapture historical identity, grammatical concordance, or new forms of balance between urban and rural areas based on slow sedimentation. Instead, they would make a decisive impact and re-establish contact with functional ways with which to use the territory. From this point of view, its form, designed as the form of its networks, would actually become a way to control whether or not it works. However, the issue is more intimate and complex.

 

  Browser supportati Firefox 3+, Internet Explorer 7+, Google Chrome, Safari

ICT Support, development & maintenance are provided by CINECA. Powered on DSpace Software
CINECA