DSpaceUnipr DSpaceUnipr
      Le Biblioteche dell'Università    |    Periodici elettronici    |    Banche dati    |    Cataloghi online

DSpace a Parma >
CAPAS - Centro sulle Attività e le Professioni delle Arti e dello Spettacolo >
MoRE - Museum of refused and unrealised art projects >
MoRE - Collezione Progetti >

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/1889/2422

Autori: Marisaldi, Eva
Curatori: Modena, Elisabetta
Titolo: Promise. Progetto per la recinzione del cantiere del Museion di Bolzano
Data di realizzazione: 2007
Abstract: L’opera viene proposta per la recinzione del cantiere del museo di arte contemporanea di Bolzano, il Museion, che inaugura nel 2008 la nuova sede realizzata dagli architetti berlinesi dello studio KSV Krüger Schuberth Vandreike nel centro della città. L’artista viene invitata per una iniziativa chiamata Arte in cantiere insieme ad altri a presentare una proposta che poi non sarà selezionata in favore dell’opera A Change Of Mind della coppia scandinava Elmgreen & Dragset. L’opera, Promise, allude fin dal titolo a una promessa, un’attesa introdotta da una serie di statuette in resina (alte 20 cm l’una) poste in 12 teche in plexiglass da inserire nel perimetro della staccionata di recinzione del museo, una ogni 2,20 metri. Nelle teche (a forma di oblò, di circa 25 x 30, profondità 20 cm), una hostess presenta dodici movimenti del “pre flight briefing” o “balletto del decollo”, praticato dalle assistenti di volo prima del decollo di un aereo. Per due teche sarebbe prevista la tenda di fondo aperta in modo da permettere la visione del cantiere del museo. Secondo il progetto di Marisaldi, le statuette sarebbero state progettate con programmi di modellazione tridimensionale e realizzate mediante processo di rapid prototyping.
The project was proposed for the enclosure of the construction site of the museum contemporary art in Bolzano in 2008, on the occasion of the inauguration of its new location realised by the Berlin studio KSV Krüger Schuberth Vandreike in the city centre. The artist was invited to take part to an initiative called Arte in cantiere together with some other artists; the chosen project in the end was the work A Change Of Mind by the Scandinavian artist duo Elmgreen & Dragset. The Promise project is an allusion, explicit in its title, to a promise, an expectation introduced by a series of small resin sculptures (20 cm high) hold in 12 plexiglass display cases placed on the perimeter of the museum’s fence, every 2,20 meters. Inside the cases (round-shaped, 25 x 30 x 20 cm) an hostess show the twelve movements of the “pre flight briefing”, performed by the flight assistants before each take off. Two cases present an the back tent open with a view on the museum construction site. The idea was to realise the small sculptures with a software for 3D-modelling through a process of rapid prototyping.
Descrizione: 2007_progetto museion.jpg (file jpeg, 33,87×52,92 cm 120 dpi): fotomontaggio del progetto nel suo contesto.
2007_progetto museion.jpg (file jpeg, 33,87×52,92 cm 120 dpi): photomontage of the project in its context.
Contiene: [Promise, fotomontaggio]
Tipo di documento: Working Paper
InMoRE - Collezione Progetti

Full text:

File Descrizione DimensioniFormatoConsultabilità
Marisaldi_promise.pdfscheda di progetto323,42 kBAdobe PDFVisualizza/apri


Questo documento è protetto dal copyright originale



Tutti i documenti archiviati in DSpaceUnipr sono protetti da copyright. Tutti i diritti riservati.


Segnala questo record su
Del.icio.us

Citeulike

Connotea

Facebook

Stumble it!

reddit


 

  Browser supportati Firefox 3+, Internet Explorer 7+, Google Chrome, Safari

ICT Support, development & maintenance are provided by CINECA. Powered on DSpace Software
CINECA