DSpaceUnipr DSpaceUnipr
      Le Biblioteche dell'Università    |    Periodici elettronici    |    Banche dati    |    Cataloghi online

DSpace a Parma >
Facoltà di Lettere e Filosofia >
Corso di laurea specialistica in Giornalismo e Cultura Editoriale >
Biblioteca digitale - Materiali didattici >

Please use this identifier to cite or link to this item: http://hdl.handle.net/1889/1182

Title: Linee guida tecniche per i programmi di creazione di contenuti culturali digitali
Authors: Tammaro, Anna Maria
Issue Date: 2006
Document type: Article
Abstract: Il quadro di riferimento a cui ci si deve rapportare per la costruzione della biblioteca digitale è quello profondamente innovativo del contesto della rete, o “networking”. Letteralmente “networking” significa lavorare in rete, con un’enfasi che non è nella rete, come tecnologia e canale di comunicazione, ma nel lavorare o meglio collaborare insieme. La grande opportunità delle nuove tecnologie dell’informazione e della comunicazione va individuata soprattutto nel facilitare la cooperazione e l’integrazione di uffici o settori ora separati. Si può anche dire che la mera applicazione delle nuove tecnologie senza che si attui una diversa organizzazione e con una prospettiva di automazione avanzata ma isolata, vanifica i vantaggi che l’utente potrebbe avere. Per la realizzazione della versione italiana delle Linee guida tecniche per i programmi di creazione di contenuti culturali digitali, che è il tema del mio intervento, l’innovazione organizzativa più importante è rappresentata dall’integrazione funzionale di archivi, biblioteche e musei e posso aggiungere che questa collaborazione è necessaria (non solo desiderabile) per la costruzione della biblioteca digitale. Per l’utente è infatti indispensabile un accesso integrato ai servizi della biblioteca digitale. Le divisioni attuali di funzionalità ora distinte tra archivi, biblioteche e musei non sono comprensibili per un normale utente. In un’ottica di rete e di rappresentazione digitale di oggetti culturali, queste divisioni sono ancora più oscure e rappresentano un formidabile ostacolo per l’usabilità dei sistemi, tanto da vanificare gli investimenti fatti. L’edizione italiana delle Linee guida tecniche per i programmi di creazione di contenuti culturali digitali rappresenta uno strumento, per quanto ancora in progress e da perfezionare, che facilita questa necessaria integrazione ed inoltre rappresenta esso stesso il risultato di un primo lavoro collaborativo tra esperti di archivi, biblioteche e musei.
Appears in Collections:Biblioteca digitale - Materiali didattici

Files in This Item:

File Description SizeFormatVisibility
Tammaro ICCU 2006[1].pdfPaper198,02 kBAdobe PDFView/Open


This item is protected by original copyright


This item is licensed under a Creative Commons License
Creative Commons


Items in DSpaceUnipr are protected by copyright, with all rights reserved, unless otherwise indicated.


Share this record
Del.icio.us

Citeulike

Connotea

Facebook

Stumble it!

reddit


 

  Browser supportati Firefox 3+, Internet Explorer 7+, Google Chrome, Safari

ICT Support, development & maintenance are provided by CINECA. Powered on DSpace Software
CINECA