DSpaceUnipr DSpaceUnipr
      Le Biblioteche dell'Università    |    Periodici elettronici    |    Banche dati    |    Cataloghi online

DSpace a Parma >
Facoltà di Lettere e Filosofia >
Corso di laurea specialistica in Giornalismo e Cultura Editoriale >
Biblioteca digitale - Materiali didattici >

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/1889/1182

Titolo: Linee guida tecniche per i programmi di creazione di contenuti culturali digitali
Autori: Tammaro, Anna Maria
Data: 2006
Tipo di documento: Article
Abstract: Il quadro di riferimento a cui ci si deve rapportare per la costruzione della biblioteca digitale è quello profondamente innovativo del contesto della rete, o “networking”. Letteralmente “networking” significa lavorare in rete, con un’enfasi che non è nella rete, come tecnologia e canale di comunicazione, ma nel lavorare o meglio collaborare insieme. La grande opportunità delle nuove tecnologie dell’informazione e della comunicazione va individuata soprattutto nel facilitare la cooperazione e l’integrazione di uffici o settori ora separati. Si può anche dire che la mera applicazione delle nuove tecnologie senza che si attui una diversa organizzazione e con una prospettiva di automazione avanzata ma isolata, vanifica i vantaggi che l’utente potrebbe avere. Per la realizzazione della versione italiana delle Linee guida tecniche per i programmi di creazione di contenuti culturali digitali, che è il tema del mio intervento, l’innovazione organizzativa più importante è rappresentata dall’integrazione funzionale di archivi, biblioteche e musei e posso aggiungere che questa collaborazione è necessaria (non solo desiderabile) per la costruzione della biblioteca digitale. Per l’utente è infatti indispensabile un accesso integrato ai servizi della biblioteca digitale. Le divisioni attuali di funzionalità ora distinte tra archivi, biblioteche e musei non sono comprensibili per un normale utente. In un’ottica di rete e di rappresentazione digitale di oggetti culturali, queste divisioni sono ancora più oscure e rappresentano un formidabile ostacolo per l’usabilità dei sistemi, tanto da vanificare gli investimenti fatti. L’edizione italiana delle Linee guida tecniche per i programmi di creazione di contenuti culturali digitali rappresenta uno strumento, per quanto ancora in progress e da perfezionare, che facilita questa necessaria integrazione ed inoltre rappresenta esso stesso il risultato di un primo lavoro collaborativo tra esperti di archivi, biblioteche e musei.
InBiblioteca digitale - Materiali didattici

Full text:

File Descrizione DimensioniFormatoConsultabilità
Tammaro ICCU 2006[1].pdfPaper198,02 kBAdobe PDFVisualizza/apri


Questo documento è protetto dal copyright originale


Questo documento è distribuito in accordo con Licenza Creative Commons
Creative Commons


Tutti i documenti archiviati in DSpaceUnipr sono protetti da copyright. Tutti i diritti riservati.


Segnala questo record su
Del.icio.us

Citeulike

Connotea

Facebook

Stumble it!

reddit


 

  Browser supportati Firefox 3+, Internet Explorer 7+, Google Chrome, Safari

ICT Support, development & maintenance are provided by CINECA. Powered on DSpace Software
CINECA